Marina di San Nicola: lo “scrigno” nascosto

L’autunno è arrivato. Mattina e sera più fredde. Prima dell’estate un amico mi ha detto di questo posto, di questo luogo curato in ogni minimo dettaglio. Inizialmente ho avuto difficoltà a credergli. -“Si trova a pochi passi da Roma. Meglio di Ostia e dintorni”-. Incuriosito dalla sua perla di saggezza con alcuni amici abbiamo deciso di partire verso questo posto sconosciuto. Mai sentito prima. Lo “scrigno del Tirreno”, così viene chiamato questo paradiso dagli abitanti. Si trova a 6 km a sud della città di Ladislao Polis, nome del secondogenito di Livio Odescalchi, attuale Ladispoli. Dopo aver superato “bellezze” cittadine con toponomastica di alto livello tra cui Coccia di morto, secondo Romatoday.it la peggior spiaggia d’Italia, resa celebre da Albanese e la Cortellesi  nel film “Un gatto in tangenziale”, Malagrotta, la più grande discarica a cielo aperto chiusa nel 2013 e Testa di Lepre (ahah!), all’inizio del cavalcavia sulla statale Aurelia si trova il primo cartello di benvenuto, non a caso, come a varcare il limite dalla “munnezz” che fino a quel punto regnava:

Avanzando di pochi metri ci si addentra del consorzio vero e proprio dove è impossibile non notare il “circolo chiuso”, sorvegliato 24 h su 24 h, di questo posto, come ad affermare “qui non si scherza”, accompagnato da una segnaletica precisa e studiata a tavolino per chi “profana” questo luogo :

Colpiscono, inoltre, le numerose rotatorie che spingono il turista a dirigersi comodamente con la sua navicella verso il mare, ricco di stabilimenti balneari:

Il verde circonda le persone. Centri estivi, villini stratosferici, tutto alla portata della gente che vive ogni giorno questa realtà. Una sensazione di fresco, di erba tagliata che risveglia i sensi. La tranquillità ma non troppa è l’elemento fondamentale. Le aree giochi sono presenti:

È questo ciò che si trova camminando per la via verso il mare. Una passeggiata piacevole, forse proprio per fornire una visione diversa dallo smog cittadino e dallo stress a pochi chilometri da Roma. Le strade sono percorribili anche in bicicletta ed è frequente il jogging.Un elemento che mi ha molto colpito molto è la toponomastica delle strade dedicate agli astri e al mondo ittico, la Marina di questo posto:

Per arrivare al mare si passa attraverso una stradina. Alla fine di essa si può scegliere se andare in spiaggia libera, molto grande, o verso gli stabilimenti, che si alternano con la parte free “una si, una no“. Le spiagge sono davvero pulite, dotate di doccia gratuite e lavapiedi. Tutto più comodo. Meno sigarette:

 

Arrivando fino al castello le viste sono davvero spettacolari. Numerosi personaggi dello spettacolo risiedono o hanno assaporato la brezza marina tra cui Alessandra Mussolini, Sergio Rubini, Jerry Calà, Loretta Goggi e Lino Banfi. Il campo di villeggiatura si presenta come un’eccezione. Tenuta sottotono. Non ha voglia di farsi conoscere:

Posso dire che dopo averla scoperta ed avendo vissuto il mare di San Nicola, ho avuto la sensazione come se niente fosse in un determinato posto per caso. A pochi passi da Roma. A soli 30 chilometri dall’aeroporto “Leonardo da Vinci” di Roma-Fiumicino. Sembrerebbe che questo scrigno sia collocato strategicamente in una parte comoda. Ma nessuno la conosce. Ho chiesto a molte persone e non davano segni di riconoscimento. Bar all’interno degli stabilimenti, “ristoranti-agriturismo”, quattro centri commerciali, verde, mare e spiagge pulite insieme alla calma dell’ambiente e dei consorziati sono i veri punti di forza di questo gioiello. Inoltre la perpetua sorveglianza e vigilanza garantiscono agli abitanti e ospiti maggiore sicurezza e “sonni tranquilli”.

È presente anche il sito archeologico chiamato “La villa di Pompeo”, accessibile in parte al pubblico. Militare e politico romano Gneo Pompeo Magno (106-48 a.C), poi avversario di Gaio Giulio Cesare, visse in questa zona insieme alla moglie Cornelia. Dichiarò  di vivere “nel posto più bello del mondo”.

 

 

 

 

 

 

Quanto ti è piaciuto l\'articolo?

Dai un voto al post:

Media voti: / 5. Voti:

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

0
Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrmail

2 risposte a “Marina di San Nicola: lo “scrigno” nascosto”

  1. Descrizione molto particoleggiata e interessante. Complimenti!!!

    0
    1. andreagrazia91 dice: Rispondi

      Grazie divina. Un saluto 😃 Alla prossima.

      0

Lascia un commento